it
it

ICMA San Giorgio

Gefran è tra le aziende partner di Icma San Giorgio per la realizzazione di un impianto di estrusione equipaggiato con estrusore bivite co-rotante installato in un importante centro prove localizzato nelle vicinanze di Detroit. Connettività, service di remotazione e completezza di gamma della componentistica per l’automazione il valore aggiunto di Gefran.

Il cliente

Icma San Giorgio è parte di un gruppo industriale con più di 100 anni di storia in Italia e nel mondo. L’azienda realizza macchine per materie plastiche ed è uno dei pionieri e principali costruttori di estrusori co-rotanti ed impianti per compounding ed estrusione/compounding destinati ad un’ampia gamma di applicazioni.
Icma studia le richieste dei propri clienti e realizza macchine ed impianti chiavi in mano con soluzioni tecnologiche d’avanguardia ed installazioni in tutti i paesi del mondo.

Il processo

Icma ha recentemente realizzato una linea di estrusione compounding da laboratorio per un’importante azienda europea la quale ha installato la linea presso il proprio laboratorio prove non lontano da Detroit. L’intera linea è stata realizzata principalmente con macchinari ed equipaggiamenti italiani ed europei ed è disponibile per i trasformatori statunitensi che hanno così l’opportunità di testare la tecnologia europea riconosciuta come la più avanzata a livello globale in questo campo applicativo.
La linea, composta da estrusore bivite corotante e di un sistema di dosaggio gravimetrico, è in grado di produrre una vasta gamma di compound per il settore plastica/gomma.

Il problema

Per la complessità della macchina, il costruttore necessita di un partner unico per la fornitura di componentistica elettronica allo scopo di facilitare e ottimizzare i tempi di realizzazione.

Inoltre l’installazione negli Stati Uniti della macchina richiede un elevato grado di connettività per accorciare le distanze tra il service e la macchina. L’obbiettivo è quello di poter controllare la macchina in tempo reale e a chilometri di distanza.

La soluzione

L’attenzione alle tematiche di connettività e remotazione permette ai dispositivi Gefran di essere all’avanguardia quando si parla di Industry 4.0.

Nel caso di Icma Gefran, attraverso la propria divisione che progetta e realizza soluzioni chiavi in mano, ha studiato una proposta dotata anche di teleservice. Dall’Italia l’utente è in grado di collegarsi da remoto e supervisionare i parametri della macchina evitando l’intervento localmente. Questa soluzione permette di:

  • Ridurre i costi di trasferta
  • Aumenta la velocità di risposta in caso di fermo macchina
  • Verifica e modifica dei parametri della macchina.

Inoltre, il catalogo Gefran si caratterizza per varietà e completezza di offerta. L’azienda infatti è leader da 50 anni nella progettazione e produzione di dispositivi elettronici per il controllo dei processi produttivi, proprio come l’estrusione.

Il controllo della macchina è stato gestito dalla piattaforma di automazione GCube Modula composta da pannello operatore soft-plc GF Vedo EV e rack I/O remote Gilogik.

La motorizzazione controllata dagli inverter vettoriali serie ADV200. Il controllo della termoregolazione è stato effettuato con i moduli remotati PID GFX4. Per la misurazione del melt sono state utilizzate le esclusive sonde di pressione per alte temperature della serie Impact che si caratterizzano per l’assenza di fluido di riempimento e la certificazione PL”c” per la sicurezza.

Oltre ai propri sensori, controllori di potenza, inverter e soluzioni di automazione, dunque, Gefran ha offerto a Icma la sicurezza di un partner affidabile nell’ambito della conoscenza della trasformazione delle materie plastiche.

 

In questo settore infatti Gefran vanta un knowhow consolidato grazie alle migliaia di installazioni nel mondo. La soluzione Icma è stata studiata e realizzata, in collaborazione con il cliente, in pochissimo tempo proprio grazie all’esperienza dei propri tecnici.